giovedì 10 novembre 2016

Licenziamento del lavoratore che conserva materiale pornografico nel pc aziendale e si oppone all'ispezione interna

Vedi anche:



Il caso

Si esamina in questo articolo il licenziamento intimato da un istituto di credito ad un proprio dipendente, a seguito di contestazione disciplinare con la quale si riferiva che nel corso di un'ispezione volta alla verifica del rispetto delle disposizioni interne in materia di uso e sicurezza del materiale informatico assegnato ai dipendenti, il lavoratore in questione, alla richiesta di chiarimenti in ordine ad alcuni files con estensione video contenuti nel disco rigido del pc, cancellava l'intero contenuto del disco stesso, rendendo impossibile dare seguito all'attività ispettiva.

All'esito di un successivo esame dell'archivio informatico, era emersa la presenza di materiale con contenuto pornografico.

Alla luce di tutto ciò, gli si contestava di aver ostacolato l'attività ispettiva, di avere violato l'obbligo di tenere una condotta informata ai principi di disciplina, dignità e moralità sia in sede di effettuazione delle attività ispettive, sia acquisendo e conservando nel computer aziendale materiale pornografico, di avere violato l'obbligo di dedicare il suo tempo lavorativo all'attività aziendale, di avere violato il codice di comportamento secondo il quale i dipendenti sono tenuti ad utilizzare le apparecchiature esclusivamente per finalità di ufficio, di aver esposto l'istituto di credito ai rischi conseguenti l'acquisizione nel proprio sistema informatico di files che, ove coinvolgano minorenni, possono comportare sanzioni ai sensi del D.Lgs. n. 231 del 2001.

La decisione

In primo grado il Tribunale ha dichiarato l'illegittimità del licenziamento, e così ha fatto la Corte d'Appello in secondo grado.

La Corte di Cassazione, invece, ha annullato la sentenza di secondo grado ed ha rinviato la causa nuovamente dinanzi alla Corte d'Appello, la quale dovrà ora decidere in diversa composizione.

Vedi anche:



Avv. Francesco Barletta
www.licenziamento-dimissioni.com

Contribuisci anche tu a far crescere il sito!
Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui principali social network.

Nessun commento:

Posta un commento