lunedì 14 novembre 2016

Legittimo il licenziamento sulla base dei dati forniti dal GPS dell'auto aziendale

Vedi anche:



Il caso

Un dipendente, per 3 giorni di seguito, si allontana dal luogo di lavoro per andare al bar.

L'azienda però se ne accorge attraverso i dati del GPS presente sull'auto aziendale e, ritenendo che sia venuto meno il vincolo fiduciario, lo licenzia.

Senonché il lavoratore impugna il licenziamento e, dopo vari gradi di giudizio, la questione viene esaminata dalla Cassazione, la quale però conferma la legittimità del recesso.

La motivazione

Secondo la Cassazione, i controlli finalizzati ad accertare comportamenti illeciti dei dipendenti sono ammessi.

Se questa è la regola generale, va poi detto che il controllo deve considerarsi ancora più legittimo nel caso in cui la prestazione lavorativa si svolge al di fuori dei locali aziendali, quando cioè è più facile che il dipendente venga meno ai suoi doveri all'insaputa del datore e possa così ledere l'immagine aziendale.

Lo stesso Garante della Privacy, pronunciandosi sull'ammissibilità dei controlli effettuati sugli smartphone dei dipendenti, li ha ritenuti legittimi.

Vedi anche:



Avv. Francesco Barletta
www.licenziamento-dimissioni.com

Contribuisci anche tu a far crescere il sito!
Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui principali social network.

Nessun commento:

Posta un commento