venerdì 28 marzo 2014

Licenziamento per i dipendenti che occupano l'azienda per protestare contro la cassa integrazione

Vedi anche:

Alcuni lavoratori, per protestare contro la cassa integrazione cui erano stati sottoposti, occupavano l'azienda presso cui prestavano attività lavorativa.

Ciò causava un blocco della produzione, disposto per motivi di sicurezza.

Il datore di lavoro si vedeva quindi costretto a licenziare i dipendenti, i quali però impugnavano il recesso.

La Corte di Cassazione ha stabilito che il licenziamento è lecito, dal momento che la cassa integrazione è stata legittimamente concordata con i sindacati e che il comportamento dei lavoratori ha messo in pericolo l'incolumità dei colleghi.

Una tale condotta, quindi, può giustificare il licenziamento, e ciò anche nell'ipotesi in cui non ne sia derivato alcun danno per il datore di lavoro.

Clicca qui per l'approfondimento!

Vedi anche:

Avv. Francesco Barletta
www.licenziamento-dimissioni.com

Contribuisci anche tu a far crescere il sito!
Se ti è piaciuto questo flash, commentalo qui sotto o condividilo sui principali social network.

Nessun commento:

Posta un commento