giovedì 20 febbraio 2014

Il licenziamento del dipendente che si presenta tardi sul luogo di lavoro

Vedi anche:

Le condotte del lavoratore che possono dare vita ad un licenziamento disciplinare sono variegate.

Tra queste vi è indubbiamente l’arrivare tardi nel luogo di lavoro.

Un simile comportamento, infatti, può far venir meno il rapporto fiduciario esistente tra datore di lavoro e lavoratore.

Di recente la Cassazione ha avuto modo di affermare che presentarsi tardi sul luogo di lavoro è causa di licenziamento disciplinare (sotto forma di licenziamento per giusta causa), soprattutto nel momento in cui tale comportamento è accompagnato da altre condotte negligenti del lavoratore, commesse nello stesso periodo.

E’ il caso del lavoratore che, oltre ad arrivare tardi, falsifica l’orario di ingresso sul proprio cartellino e, durante il lavoro, si allontana senza giustificazioni dal posto di lavoro per svolgere attività personali.

L’insieme di questi comportamenti denota la malafede del lavoratore e quindi giustifica la sua estromissione dall’azienda.

Chiarito questo, va detto che la maggior parte del contenzioso in materia sorge nel momento in cui il datore di lavoro licenzia il proprio dipendente protagonista del solo ritardo, ma non anche delle altre condotte sopra descritte.

In altre parole ci si chiede se il solo ritardo sia in grado di giustificare il licenziamento del dipendente e, in caso affermativo, con che modalità esso si debba verificare.

La questione è estremamente importante in quanto può fare la differenza tra un licenziamento legittimo ed uno illegittimo.

Vedi anche:

Guida al Licenziamento per Allontanamento o Abbandono del Posto di Lavoro. Motivi di Impugnazione, Rimedi e Tutela

Avv. Francesco Barletta
www.licenziamento-dimissioni.com

Contribuisci anche tu a far crescere il sito!
Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui principali social network.

Nessun commento:

Posta un commento