giovedì 17 ottobre 2013

Licenziamento disciplinare e nuova tutela prevista in favore del lavoratore





Nel video si parla del nuovo licenziamento disciplinare, così come rimodellato dalla recente riforma Fornero.

Dopo una breve definizione dello stesso e dei presupposti che ne sono alla base, ci si sofferma in particolar modo sulla tutela spettante, in caso di licenziamento illegittimo, al lavoratore che presta la sua attività alle dipendenze di aziende con più di 15 lavoratori.

Per alcuni Tribunali, infatti, la reintegrazione nel posto di lavoro spetta unicamente nel caso in cui il fatto non sussiste materialmente, nel senso che il lavoratore non lo ha commesso (es. il datore attribuisce falsamente al lavoratore la commissione di un fatto in realtà non avvenuto o commesso da altri).

Per altri Tribunali, invece, la reintegrazione nel posto di lavoro spetta quando il fatto, anche se commesso materialmente, non sussiste giuridicamente, nel senso che non è così grave da configurare la giusta causa di licenziamento.

Sulla materia non si è ancora formato un orientamento stabile, per cui è quanto meno opportuno attendere successive pronunce da parte di organi giudicanti di rango più elevato.

Avv. Francesco Barletta
www.licenziamento-dimissioni.com

Contribuisci anche tu a far crescere il sito!
Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui principali social network.

Nessun commento:

Posta un commento