lunedì 12 agosto 2013

Conoscenza e contenuto della lettera di licenziamento economico

Vedi anche:

L’iter procedurale che il datore di lavoro deve osservare per intimare un licenziamento è diverso a seconda che questo sia giustificato da ragioni di carattere disciplinare (giusta causa e giustificato motivo soggettivo) ovvero da motivazioni di tipo oggettivo (come avviene nel caso del licenziamento economico).

Quanto a quest’ultimo, anzitutto il datore deve intimare il licenziamento per iscritto, pena l’inefficacia dello stesso.

Il licenziamento si presume conosciuto dal lavoratore quando la relativa comunicazione giunge al suo indirizzo.

Questa presunzione ammette prova contraria e, quindi, il lavoratore può dimostrare di essersi trovato, senza sua colpa, nell’impossibilità di averne conoscenza per circostanze eccezionali ed indipendenti dalla sua volontà.

Per evitare di incorrere in contestazioni è quindi opportuno adottare modalità di comunicazione del licenziamento che consentano di avere certezza in ordine alla sua conoscenza da parte del lavoratore, come ad esempio la lettera raccomandata con ricevuta di ritorno o la consegna a mani con firma del lavoratore per ricevuta.

La lettera di licenziamento deve contenere la decisione aziendale in merito al periodo di preavviso.

In altre parole il datore di lavoro deve decidere se osservare il periodo di preavviso, e dunque trattenere il dipendente al lavoro fino alla scadenza del predetto periodo, oppure se esonerare il lavoratore dal prestare servizio durante la decorrenza del preavviso stesso.

La lettera di licenziamento deve infine contenere le motivazioni poste alla base del recesso, in modo tale da porre il lavoratore nelle condizioni di conoscere le ragioni del suo licenziamento e di valutare la possibilità di un’eventuale contestazione.

In quest’ottica e allo scopo di garantire al lavoratore un’adeguata difesa, il datore deve descrivere le motivazioni in modo completo, preciso ed esaustivo, specificandone tutti gli elementi di fatto e di diritto.

Avv. Francesco Barletta
www.licenziamento-dimissioni.com

Contribuisci anche tu a far crescere il sito!
Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui principali social network.

Nessun commento:

Posta un commento