venerdì 19 ottobre 2012

Licenziamento per prelievo e consumo di merce senza autorizzazione



La vicenda.

In data 9 agosto 2012, una lavoratrice con mansioni di commessa, alle dipendenze di un food ubicato all’interno di un centro commerciale ed appartenente ad una grossa catena, durante l’orario di lavoro preleva della merce (panini, salmone affumicato e bevanda) senza autorizzazione e senza passare dalla cassa.

Dopo pochi minuti consuma il pasto, costituito dalla merce prelevata, all’interno del punto vendita.

Altri dipendenti ed addetti si accorgono del prelievo e del consumo della merce ed avvisano il datore di lavoro.

L’azienda decide di aprire un procedimento disciplinare, contestando alla dipendente la violazione del contratto collettivo e del regolamento interno ai punti vendita.

La difesa della lavoratrice.

La dipendente risponde agli addebiti contestati dichiarando di non aver mai subito sanzioni disciplinari in ben 14 anni di lavoro all’interno dell’azienda e di aver sempre tenuto un comportamento esemplare.

Sostiene inoltre che il fatto si è svolto alla presenza di dipendenti, addetti e sorveglianti.

Non può dunque parlarsi di furto, il quale si configura quando la merce è sottratta in modo occulto e che fa venir meno il rapporto di fiducia con il datore di lavoro.

Nel caso in cui fosse stata avvisata dai dipendenti o dal datore stesso, avrebbe certamente pagato la merce per evitare l’applicazione della sanzione.

In definitiva sostiene di aver agito in buona fede.

Il provvedimento dell’azienda.

Il datore di lavoro ritiene di non accogliere le osservazioni difensive della dipendente, in quanto le stesse non costituiscono una valida giustificazione ai fatti addebitati.

Il fatto che la condotta si sia verificata sotto gli occhi di tutti, rende il comportamento ancor più grave.

Tale gravità non consente la prosecuzione, neppure temporanea, del rapporto di lavoro e fa venir meno il rapporto di fiducia con il datore di lavoro.

Per queste ragioni l’azienda decide di licenziare la lavoratrice per giusta causa e dunque con effetto immediato (c.d. licenziamento in tronco).

La reazione della dipendente.

La lavoratrice ritiene la sanzione sproporzionata.

Decide di allertare gli organi di stampa e valuta la possibilità di impugnare il provvedimento in tribunale.

Gli effetti della riforma Fornero.

I difensori della lavoratrice sottolineano gli effetti nefasti della recente riforma Fornero sulla vicenda della loro assistita.

L’azienda datrice di lavoro, avendo alle sue dipendenze più di 15 dipendenti, è soggetta all’applicazione dell’art.18 dello Statuto dei Lavoratori.

Precedentemente alla riforma Fornero, qualora la dipendente fosse risultata vittoriosa in giudizio, avrebbe senz’altro ottenuto la reintegrazione nel posto di lavoro (vecchio art.18).

Con la nuova normativa, invece, il massimo che la lavoratrice può ottenere è una condanna del datore di lavoro al pagamento di un’indennità risarcitoria da un minimo di 12 ad un massimo di 24 mensilità (nuovo art.18).

Vedi anche:

Il Licenziamento per Furto. Motivi di Impugnazione, Rimedi e Tutela

Avv. Francesco Barletta
www.licenziamento-dimissioni.com

Contribuisci anche tu a far crescere il sito!
Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui principali social network.

Nessun commento:

Posta un commento