sabato 29 settembre 2012

Licenziamento per il lavoratore che irresponsabilmente contrae malattia durante le ferie

La vicenda.

Un lavoratore si ammala sistematicamente durante il periodo feriale.

L’episodio si ripete per ben quattro volte ed in periodi feriali distinti.

L’azienda scopre inoltre che lo stato morboso è imputabile alla condotta del lavoratore stesso, il quale volontariamente e consapevolmente si espone al rischio di contrarre la malattia.

Decide dunque di licenziare il dipendente.

Il lavoratore contesta il provvedimento e porta la questione in tribunale.

La Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, con sentenza 25 gennaio 2011, n.1699, dà ragione all’azienda.

La motivazione.

Secondo la Corte il lavoratore ha diritto di decidere come e dove trascorrere le proprie ferie.

Durante il periodo feriale, tuttavia, ha l’obbligo di comportarsi secondo i principi di correttezza e buona fede, e dunque di preservarsi fisicamente, in modo da consentire al datore di lavoro di ricevere la prestazione lavorativa, una volta terminato il periodo di riposo.

Il diritto del lavoratore di organizzare e di utilizzare il proprio tempo libero deve cioè essere bilanciato con l’interesse del datore di lavoro di ricevere la prestazione di lavoro a conclusione del periodo feriale.

In tale ottica il lavoratore, nel corso di tale periodo, può dedicarsi a qualsiasi attività idonea al recupero delle energie psico-fisiche perdute, con ampia e assoluta libertà di scelta, purché tali attività non pregiudichino, in modo gravemente colposo, e per di più in modo pervicacemente reiterato, l’interesse del datore di lavoro a ricevere la corretta esecuzione della prestazione lavorativa, a conclusione del periodo feriale stesso.

Nel caso trattato è stato accertato che il lavoratore si era esposto in modo reiterato e gravemente colposo (con altissima probabilità) al pericolo di contrarre una patologia che non gli avrebbe consentito di svolgere, al ritorno dalle ferie, neppure in parte, la prestazione di lavoro.

Lo stato di malattia, dunque, essendo imputabile alla condotta ed al comportamento del lavoratore, giustifica il licenziamento.

Avv. Francesco Barletta
www.licenziamento-dimissioni.com

Contribuisci anche tu a far crescere il sito!
Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui principali social network.

Nessun commento:

Posta un commento